30 Settembre 2018

SOUNDS OF KOLACHI

SOUNDS OF KOLACHI

Come un colpo dell’oceano Indiano dalla megalopoli marittima chiamata casa, i Sounds of Kolachi, un gruppo di dieci cantanti e strumentisti provenienti da Karachi, merge il raga e l’armonia dell’Ovest, il contrappunto e le linee melodiche del sud dell’Asia, il tutto senza perdere il ritmo.

In questo ensemble instantaneamente ascoltabile, coesistono strumenti classici dell’Asia del sud come il sitar e il Sarangi (suonato con l’archetto) insieme alla chitarra elettrica e al rock. A guidare il viaggio, il compositore, teorico e cantante Ahsan Bari crea dei riff modali stravaganti e malinconici, rafforzati da un quartetto vocale maschile e femminile.

L’album con cui la band ha debuttato è stato riconosciuto come nuovo sound emergente dell’Asia del sud. Il gruppo è stato ingaggiato per vari tour e stanno preparando per il loro secondo album oltre a varie collaborazioni.  “ Iniziamo col presupposto che tutta la diversità musicale sia un unico linguaggio, ma con dialetti distinti “, “Cinque anni fa”, dice Ashan Bari, “ ho cominciato ad ascoltare tutta questa musica folk registrata a Jamshoro,” 90 minuti da Karachi lungo il fiume Indo.  Quando gli Sketches, la band che sosteneva questi musicisti folk e presentava il loro lavoro, chiamò Bari e gli chiese di produrli, lui si trasferì e si ritirò per tre mesi insieme a Gul Mohammad (sarangi) e Waqas Ahmed (sitar).

Entrambi discendevano da famiglie che suonavano la musica classica tradizionale e sono membri principali del coro Sounds of Kolachi.

Ispirati dalle loro esperienze nella zona rurale del Sindh, i pezzi di Sounds of Kolachi in un primo momento sembrano di avere una sonorità come gli Inni folk dedicati ai santi Sufi, e poi, in un attimo, alle fughe post rock e jazz. Giovane e avventuroso, la band, sempre in constante evoluzione, è composta di artisti provenienti da vari ambienti, uomini e donne, musicisti rock e classici con una grande padronanza del Sarangi all’archetto e del sitar, uno straordinario  insieme nel Pakistan attuale.